Maya in Phang Nga

10 motivi per cui amo vivere in Thailandia

Text by Maya – Photo by Maya 

The Author: Maya

Vivo in Thailandia da più di 2 anni ormai, prima a Bangkok, poi a Krabi, nel Sud, e ho avuto l’opportunità di sperimentare la vita caotica nella capitale seguita dalla quiete di una città di mare. Quindi, ecco i 10 motivi per cui amo la vita in Thailandia e non rimpiango la decisione di essermi trasferita:

  1. I Thailandesi & il loro senso dell’ospitalità. La Thailandia è un paese di grandi sorrisi e braccia spalancate. Tutti sono amichevoli e pronti ad aiutare quando ti vedono in difficoltà. Certo, probabilmente rideranno di te, ma non per prenderti in giro, è invece un modo tutto asiatico per gestire le situazioni buffe/ potenzialmente imbarazzanti.  Scivoli e cadi? Scoppieranno a ridere, come a dire: “non è successo nulla di serio, non essere imbarazzato, siamo tutti allegri e ne ridiamo insieme”.  Mai pen rai, non importa, è il mantra di questa nazione. Inoltre le persone non sono chiassose, al contrario sono molto discrete, ed evitano il conflitto il più possibile, ma allo stesso tempo amano divertirsi in modo quasi infantile . Sono anche felici e orgogliosi di essere Thailandesi, senza avere quel senso di inferiorità che è struggente osservare in altre nazioni.
  2. La cucina Thai: il cibo in Thailandia è economico e delizioso. Non mancano le multinazionali come McDonalds, Starbucks o KFC in ogni villaggio e città, ma la scelta migliore è sempre lo street food. E anche se non parli Thai, ordinare è semplicissimo: basta indicare gli ingredienti prescelti, e la quantità di chilli, salsa di pesce o zucchero che desideri. Molti venditori di street food sono specializzati in uno o due piatti, quindi bisogna guardarsi intorno e cercare la bancarella che vende quello che vuoi.  I miei piatti Thai preferiti? All’inizio era il Pad Thai, in pratica spaghetti di riso saltati con uova, verdure, salsa di pesce e anacardi, che è il piatto nazionale insieme al Somtam (insalata di papaya). Poi però ho scoperto il Massaman curry, l’Hunglay (un curry originario del Nord, a base di zenzero) e il kuaglin. Amo anche il Mango & riso glutinoso. E la frutta: la frutta è deliziosa, e varia. Hai mai mangiato il longan? il jackfruit? il dragon fruit? il rambutan? il mangostano? e la rose apple? Che mi dici del durian? L’ho assaggiato e, sorpresa, mi piace molto!
    Thai food: fruits and seafood
    La cucina Thai è molto gustosa
  3. Cibo da asporto: il cibo in Thailandia non solo è gustoso, ma anche facilissimo ed economico da trovare e mangiare ovunque. Molti Thailandesi non cucinano nemmeno a casa propria, non tutti i giorni, ma ordinano cibo da asporto locale, economico e genuino o lo vanno a ritirare personalmente dalle bancarelle. Questo accade ovunque, nei villaggi e nelle grandi metropoli come Bangkok dove il cibo è disponibile a ogni ora del giorno e della notte, a ogni angolo di strada. E se davvero è troppo tardi per le bancarelle, c’è sempre un  7/11 nelle vicinanze, aperto 24 ore.
  4. Stile. O NESSUNO stile. In Thailandia non serve un guardaroba enorme con centinaia di vestiti. In pratica c’è solo una stagione, con un paio di varianti: caldo e soleggiato, o caldo e piovoso.  Con l’eccezione di alcune regioni del Nord dove la notte fa freddo e durante il giorno può essere fresco per un paio di mesi all’anno, nel resto del paese la temperatura è calda e ci si veste in pantaloncini e t-shirt. La parte migliore è che nessuno giudica il modo in cui ti vesti. I Thailandesi di classe elevata amano la moda e ragazzi e ragazze spendono cifre spropositate nel guardaroba, ma l’attitudine della Nazione è “vestiti come preferisci, purché tu sia pulito e ordinato”.  Bisogna coprirsi le gambe e le spalle per entrare nei templi, ma in tutte le altre occasioni si è veramente liberi di vestirsi come si vuole.
  5. TUK TUK: assomigliano a degli autoscontri molto colorati e gli autisti hanno la brutta abitudine di guidare come pazzi, ma i tuk tuk sono divertenti e irresistibili, non posso non farci almeno una corsa quando sono a Bangkok o Chiang Mai. Restare imbottigliati nel traffico bordo di un tuk tuk a mezzogiorno, col caldo soffocante o la pioggia battente, può essere un’esperienza da incubo, o una delle più divertenti che vivrete in vita vostra, dipende se siete abituati a vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Il Samlor, la versione Thailandese del sidecar, è un altro mezzo di trasporto molto popolare (utilizzato più che altro nei villaggi) che ti consiglio di provare almeno una volta. 
  6. L’incredibile natura. Giungle e foreste pluviali, fiumi immensi e foreste di mangrovie, e ancora montagne avvolte dalla nebbia, scenografici picchi carsici, isole tropicali e spiagge da sogno, la natura thailandese è così rigogliosa e varia da circondarti ovunque tu sia nel paese, anche nel pieno centro di Bangkok (passeggia nel parco Lumphini e capirai cosa intendo! Dappertutto ci sono varani e uccelli di ogni colore e dimensione). Per non parlare di piante e fiori che crescono in ogni dove, inclusi i pali e le linee elettriche.

    Phang Nga bay scenery

  7. Centinaia di templi. No, non sono tutti uguali, e non sono noiosi se ti prendi il tempo di imparare qualcosa sul Buddhismo e la sua arte squisita. La Thailandia ha più di 40,000 templi, e non proverò nemmeno a fare una lista dei più belli. Dal Tempio della Grotta della Tigre arrampicato sulla vetta di una montagna al grande Buddha bianco che domina Phuket, per non parlare dei templi Blu, Bianco e Argento a Chiang Mai e Chiang Rai, o l’architettura khmer del quasi sconosciuto Phanomrung Temple nell’ Isaan e lo stile phuttakaya del Wat Bang Thong a Krabi o il Tempio dei Polli a Nakhorn, il numero delle pagode che meritano di essere viste è infinito. Essendo luoghi sacri, bisogna vestirsi rispettosamente: spalle e ginocchia coperte, scarpe comode da togliere e mettere e un paio di calze, se non si è a proprio agio all’idea di camminare scalzi in luoghi pubblici.
  8. 7/11: nei 7/11 trovi tutto quello che ti può venire in mente. Inoltre, questi piccoli supermercati sono aperti 24 ore su 24 e sono dappertutto. E se ti annoi, prova a entrare in un 7/11 e fare un inventario di tutti i prodotti che sono in vendita: dai prodotti da bagno e per la casa agli snack, al cibo surgelato e alle bevande. Alcuni sono bizzarri per noi occidentali: Fanta rossa (molto usata per le offerte nei templi), alghe coreane e giapponesi, Carbonara pronta in 5 minuti, salsicce di ogni tipo, polpette di pesce, patatine in busta nei gusti più impensabili, sciroppi, gelati al Durian e al Taro e potrei continuare quasi all’infinito. I 7/11 più grandi vendono anche abbigliamento e accessori come ciabatte, magliette, cappelli e occhiali da sole, e perfino telefoni cellulari. Non tutto il cibo all’interno di questi negozi è genuino, (anzi direi il contrario), sicuramente però è fresco perché i supermercati vengono riforniti tutti i giorni, e se sei di fretta puoi comprare un pasto pre-cotto e farlo scaldare alla cassa.
  9. K-Bank e tutti metodi di pagamento telefonico. Dopo aver aperto un conto corrente e ricevuto un Bancomat (operazione che può richiedere parecchio tempo a causa della burocrazia Thailandese) diventa molto facile andare in giro senza portafoglio e dimenticarsi dell’esistenza del denaro. Con il telefono puoi pagare quasi dappertutto, inclusi ristoranti, supermercati, negozi e corrieri, e in tantissime bancarelle di strada. So che in molte nazioni i pagamenti via telefono sono ormai una realtà,  ma non è così in Italia, motivo per cui la Thailandia è stata, da questo punto di vista, una piacevole sorpresa.
  10. Il clima, a meno che tu non sia uno di quegli strani soggetti che odiano l’estate. Nella tropicale Thailandia è estate tutto l’anno. E lo adoro. Anzi, questa è la ragione che mi ha fatto sognare di vivere in Thailandia fin dal primo momento in cui ci ho messo piede, da bambina. Per essere precisi, ci sono tre stagioni ufficiali:  da Novembre a Febbraio fa caldo e c’è il sole, con cieli azzurri e mare calmo; da Marzo a Maggio è molto caldo e umido, con tempeste e temporali intervallati al cielo blu; da Giugno a Ottobre piove molto, c’è vento forte e il mare è mosso sulla costa occidentale; molte isole chiudono  in questa “stagione bagnata” e turisti ed espatriati vanno in viaggio da qualche altra parte. La vita è molto tranquilla in questi mesi, tanto che ho cominciato ad apprezzare la calma che accompagna la stagione delle piogge.  Con l’eccezione di alcune aree montuose nel Nord della Thailandia, dove le notti possono essere gelide e le giornate molto fresche, nel resto del paese è raro che la temperatura scenda sotto i 20 gradi, anche di notte. Non è fantastico? Non c’è alcun bisogno di un guardaroba invernale, non serve il riscaldamento, ma posso sempre comprare un albero di Natale decente online, se desidero un Natale come a casa. 
    Children laughing
    La Thailandia è un paese di grandi sorrisi

Senza sforzarmi troppo potrei trovare altre 20 ragioni per cui amo la vita in Thailandia, ma vorrei conoscere la tua opinione: vivi in Thailandia o ci hai vissuto? Ti piace/ti piaceva? Se hai lasciato la Thailandia, cosa ti manca di più? E se non ci hai mai vissuto, che cosa vorresti sapere riguardo alla vita qui?

 

 

Leave a Reply

Note: Comments on the web site reflect the views of their authors, and not necessarily the views of the Krabi Guide internet portal. Requested to refrain from insults, swearing and vulgar expression. We reserve the right to delete any comment without notice explanations.

Your email address will not be published. Required fields are signed with *