Zingari Nel Mare Delle Andamane

TESTO DI MAYA – FOTO A. TODOVERTO

The Author: Maya

Un altro giorno a Krabi, un’altra sveglia all’alba di un cielo Impressionista per fare immersioni a Bida Nok e Phi Phi Ley con Seagypsydivers. Il trasferimento è alle 7 di fronte al mio hotel, e ci vuole circa mezzora per raggiungere il porto a Thalet Kola dove una grande e confortevole barca chiamata The Whale, La Balena, aspetta il gruppo di subacquei e snorkelisti per l’imbarco. Siamo in 20 oggi, più l’equipaggio, e partiamo non appena messo piede a bordo. La mia guida oggi è Scozzese, ma tra tutti siamo un misto di Singaporeani, Indiani, Francesi, Cinesi e Americani. E’ la mia seconda escursione con questa compagnia e amo la loro grande barca lenta e la loro attitudine; amo il modo in cui si prendono cura di noi sub con una colazione gustosa a base di pane e Nutella, oltre alle solite uova strapazzate; amo la sensazione di sentirmi parte di una famiglia, e naturalmente amo fare immersioni alle Phi Phi Islands.

La navigazione dal porto alla nostra prima destinazione, Koh Bida Nok, dura due ore e mezza, che è abbastanza per fare conoscenza e quattro chiacchiere, mangiare il delizioso pane e Nutella, ascoltare il briefing sui siti di immersione e la giornata, provare  l’attrezzatura e fare un pisolino, o guardare l’orizzonte punteggiato da centinaia di stoglie e isole. Koh Bida Nok, a sud di Phi Phi Ley, è il mio sito preferito nell’area a causa della sua acqua cristallina e reef abbondante. La parte nord ha una parete con un sorprendente numero di coralli, ma oggi ci immergiamo nella parte sud, attorno alla piccola laguna.

Questo centro diving mantiene i gruppi piccoli, e oggi c’è una guida ogni due persone. Appena entrati in acqua, mi accoglie una murena gigante che avevo visto nello stesso posto i precedenza: le piace farsi ammirare prima di rientrare nella sua tana, con la grande testa in avanti. Poi arrivano due tartarughe, un lion fish, un pesce scorpione e i miei amati nudibranchi. Alla fine dell’immersione la corrente diventa forte, ma non appena riemergiamo il gommone di appoggio viene a recuperarci e il pranzo è pronto sul ponte superiore.

Ci prendiamo un’ora di pausa prima della seconda immersione e La Balena si sposta all’interno di Maya Bay così che possiamo ammirare lo splendido paesaggio che ha reso questa spiaggia così famosa, anche se adesso è deserta dopo che è stata chiusa al pubblico per preservare il suo fragile ecosistema. Le barche possono ancorare a un paio di centinaia di metri dalla costa, e oggi la baia è così bella e tranquilla che quasi mi commuovo. Ho un legame speciale con Maya Bay e la sosta qui per il pranzo è una piacevole sorpresa.

La seconda immersione è proprio dietro l’angolo. Letteralmente, visto che il suo nome è L’angolo di Maya! E’ la seconda volta che vengo qui ma oggi il meteo è migliore e la visibilità buona. La barriera corallina scende ripida e dominano i coralli duri, ma quel che amo di più di questa immersione è nuotare dentro e fuori dalle cavità che abbondano in questo sito. C’è un tunnel naturale le cui pareti sono coperte da gorgonie bianche e rosa e la sensazione è quella di trovarsi in una foresta incantata alla Alice Nel Paese Delle Meraviglie. Incontro altre due tartarughe, un placido serpente a strisce bianche e nere, una razza ad anelli blu, un verme piatto che non avevo mai visto prima, un pesce palla e molto, molto altro…

Poi mi ritrovo a bordo e La Balena raggiunge il porto di Kola dopo due ore e mezza di placida navigazione. E’ quasi l’ora del tramonto, ed è stata un’altra incredibile giornata piena di sorprese nel Mare delle Andamane.

Pronti per la vostra vacanza in Krabi ? Contattaci oggi stesso!

Leave a Comment

Your email address will not be published. All fields are required.